LA PAGANESE VISTA DA... NOCERA

LA PAGANESE VISTA DA...NOCERA: UNA VITTORIA DI TRADIZIONE

Peppe Nocera
12.03.2018 12:03

Tutti attendevamo alla controprova mister De Sanzo, dopo il pareggio col Francavilla, contro un ostico Rende che soprattutto in trasferta si è fatto valere in campionato, dall'alto dei suoi 42 punti. Era una partita particolare per il tecnico di Castrovillari alla prima dinanzi al "suo" pubblico, che tante volte l'ha osannato da capitano. Il suo intento, come dichiarato alla vigilia, è quello di far cucire addosso ai giocatori la maglia della "sua" Paganese. Concetti semplici, d'appartenenza e d'identificazione, che forse s'erano persi nel tempo, dileguandosi nella gara con l'Andria. Come ha detto Scarpa, protagonista di giornata con un assist per il vantaggio di Cuppone e doppietta, quella sconfitta ha fatto bene scuotendo il gruppo che poi è stato rivitalizzato, dopo il black out, da De Sanzo. La scossa - conoscendo il temperamento del mister - sarà stata energica, capace di toccare le giuste corde e probabilmente, come ha sottolineato il tecnico del Rende Trocini, De Sanzo è "l'uomo giusto al posto giusto per la Paganese in questo momento". Bisognava dare continuità al pari col Francavilla ed i tre punti contro i biancorossi - per loro ancora tabù il Torre da sempre - rappresentano il giusto viatico per Monopoli dove la Paganese si recherà domenica prossima.
E' una vittoria nel segno della tradizione di De Sanzo e Scarpa, lo zoccolo duro della Paganese targata Trapani, che stanno alimentando e costruendo un altro miracolo. L'inizio della partita non è stato dei migliori, ma con il trascorrere del tempo la foga iniziale s'è trasformata in raziocinio e così, dopo una doppia occasione, è arrivato il gol di Cuppone, al primo gol casalingo dopo quelli di Viterbo e Trapani, su servizio al bacio dell'eterno Scarpa. Poi il capitano con due calci piazzati, uno dagli undici metri e l'altro con una punizione da distanza ragguardevole, ha deciso di demolire il muro eretto dal Rende. Se il mister non vuole vedere la classifica, noi la vediamo eccome: i tre punti di ieri fanno risalire un altro gradino alla Paganese, consegnandole la quart'ultima posizione. Il cammino è ancora lungo ed il traguardo è di nuovo fattibile, con questa intensità e questa determinazione. A fine partita un amico mi ha fatto notare che, tutto sommato, i playoff sono solo a sette punti. L'ho fissato e gli ho detto, pur rimanendo sorpreso, di non esagerare con i sogni: quello della salvezza, addirittura diretta, è un miracolo. Vabbè che alla Paganese di miracoli se ne intendono, ma quando è troppo, è troppo!

Peppe Nocera
© Paganesemania - Riproduzione riservata

Commenti

TORNEO DI VIAREGGIO, OGGI L'ESORDIO DELLA PAGANESE CONTRO IL PERUGIA
VIAREGGIO CUP | ESORDIO CON BEFFA PER LA PAGANESE: IL PERUGIA FA 2-2 AL 91'