LA PARTITA DEL TIFOSO

LA PARTITA DEL TIFOSO - RISALIRE LA CHINA, SENZA PENSARE A GENNAIO

Redazione
23.10.2017 12:10

Sarà stato per un intervento provvidenziale di qualche Santo protettore dei tifosi in crisi profonda, se sabato scorso non sono riuscito a vedere la partita della Paganese, neanche in streaming. Amici e tifosi mi hanno riferito di una gara scialba, della classica partita dello 0-0 che si può vincere o perdere per un dettaglio, per una mezza occasione. Le immagini, purtroppo, hanno confermato le impressioni iniziali. A questo punto, giacché ho visto poco più di due minuti di partita, prendo in prestito i commenti degli unici amici con cui ho discusso della partita: ‘’o cumpariell’ e ‘il peccato originale’, riportando fedelmente la loro aulica conversazione:

- il peccato originale: “Carcion cammin miezz ‘o camp”.
- 'o cumpariell: “’Nu schif total”.
- il peccato originale: “Gomis ancora ‘na vot il migliore in campo”.
- 'o cumpariell: “’Nu schif total” (e lo hai detto già).
- il peccato originale: “Ma poi non capisco: jucamm in cas senza attaccante e in trasferta mettimm l’attaccant (Regolanti, ndr)”.
- 'o cumpariel’: “’Nu schif total” (sì, ok, abbiamo capito).
- il peccato originale: “’A storia è semp ‘a stess, ogni anno è una sofferenza. A questo punto è meglio che retrocediamo e ‘c luamm ‘a miezz”.
- 'o cumpariell’: “’Nu schif total” (e bastaaaa).
- il peccato originale: “Difesa inesistente, centrocampisti che nu’ ngarrn ‘nu passagg e attaccanti che fann ‘i passagg ‘e purtier”.
- 'o cumpariell: “……..” (ah, vabbè, ora è tutto più chiaro).

Adesso siamo virtualmente ultimi, se si considera che rispetto alle nostre attuali dirette concorrenti dobbiamo ancora osservare il turno di riposo. Abbiamo toccato il fondo, il punto di non ritorno e ora ci tocca risalire una china che al momento non ha una pendenza eccessiva, ma dobbiamo farlo in fretta. Le altre squadre non ci stanno aspettando e anzi, proprio una serie di risultati clamorosi ci ha regalato questa pessima posizione di classifica. In troppi sono già orientati a gennaio, al mercato che mai come quest’anno dovrà essere di riparazione. Gennaio però è ancora troppo lontano e ci sono altre 8/9 partite da disputare. Voglio dire che sono questi ragazzi che dovranno fare più punti possibili, per rendere fattibile la rincorsa nel girone di ritorno. La matematica non è un’opinione e se pensiamo che servano 37/38 punti per la salvezza, dobbiamo necessariamente farne almeno poco meno della metà fino a dicembre. Il Fondi insegna che basta un paio di vittorie per risalire la classifica. Purtroppo sono proprio le vittorie che ci mancano, dato che ultimamente se non si perde, riusciamo al massimo a pareggiare. Basta però col disfattismo e con l’ambiguo piacere che si prova a tirarci i piedi da soli: c’è un obiettivo da raggiungere; una categoria da preservare, con le unghie e con i denti, se necessario. Forza ragazzi! Forza Paganese!

Alberto Maria Cesarano
© Paganesemania - Riproduzione riservata

Commenti

LA PAGANESE VISTA DA... NOCERA - DALLA SOCIETA' AL CAMPO: ERRORI IN FOTOCOPIA
PAGANESEMANIA IN TV: RIVEDI LA QUINTA PUNTATA