DALLA SERIE C | LE ALTRE

SERIE C, SI GIOCA. SCIOPERO EVITATO MA C'E' LA GRANA VIBONESE

25.08.2017 13:08

Stupore, spaesamento, imbarazzo. Non c’è estate in cui il calcio italiano non ci regali uno scandaletto o colpo di teatro al sole. Ieri, al tramonto, erano tutti riuniti in via Allegri: il presidente federale Carlo Tavecchio, il suo vicario Cosimo Sibilia, che rischia suo malgrado di dover rimettere mano a gironi e calendari di Serie D, il numero uno della Lega Pro Gabriele Gravina, che in questa estate calda, l’ennesima, ha già dovuto ingoiare il «rospo» Rende. Un grande interrogativo sul tavolo: reagire allo schiaffo ricevuto dalla Corte federale d’appello, che ha accolto il ricorso della Vibonese – dichiarato inammissibile in primo grado – e posizionato il Messina all’ultimo posto del girone C della Lega Pro 2016-17, di fatto restituendo al club calabrese il diritto a partecipare alla Serie C? Diciamolo con franchezza, proprio un bel casino, scoppiato nel giorno della presentazione dei calendari, a 48 ore dal via del campionato. 

Evitabile, forse. La storia della fideiussione «inefficace» del Messina, reo di non aver mai presentato garanzie alternative a quelle rese nulle dal crac della Gable, gira da quest’inverno. Solo che in questi mesi, tra udienze, ricorsi, richieste di accesso agli atti negate, il club siciliano è stato penalizzato solo per averla presentata in ritardo, non irregolare, come ora farebbe intendere la Corte. Chi ha sbagliato, nel caso? La Procura federale che avrebbe toppato capo d’accusa? La Covisoc che non avrebbe controllato bene? La Lega Pro che avrebbe negato l’accesso agli atti? Ma ieri era più urgente prendere una decisione: reagire, e come? Dopo ore di consulti, Tavecchio è andato a cena con un pensiero lacerante: la Figc aspetta le motivazioni della sentenza, che arriveranno entro martedì, ma è orientata a ricorrere al Collegio di garanzia del Coni contro la decisione della «sua» Corte d’appello. Nel frattempo – perché ci vorranno giorni o settimane – la Serie C partirà regolarmente, senza la Vibonese, che, qualora fosse riammessa in Serie C (cosa che in Calabria hanno già festeggiato...), dovrà avere il tempo di produrre la documentazione per la licenza e di rimettere mano alla rosa. 

Peccato che la grana Vibonese faccia passare in secondo piano l’esito positivo della trattativa con l’Assocalciatori, che ieri sera ha revocato lo stato di agitazione, scongiurando il rischio dello sciopero. «Una decisione saggia, sono felice di aver sventato uno sciopero che non avrebbe fatto bene a nessuno», racconta legittimamente Gravina. Felice anche Tavecchio, che molto si è adoperato, «convinto che solo attraverso il dialogo tra la Figc e tutte le componenti federali si possa continuare il percorso di riforma del nostro calcio rendendolo più moderno e sostenibile». Decisiva, oltre al contributo di 500mila euro che Figc e Lega Pro destineranno al fondo di solidarietà, la modifica adottata ieri dall’assemblea delle società, convinte da Gravina, al regolamento sugli over 22: ai 14 fissati per rosa si potranno aggiungere il calciatore bandiera, quello cresciuto nel vivaio e due, non più uno, fidelizzati. 

La Gazzetta dello Sport
 

Commenti

MATRECANO ALLA PRIMA: "BISCEGLIE OSTICO MA SIAMO PRONTI, L'APPROCCIO SARA' DECISIVO" (VIDEO)
NUMERAZIONE UFFICIALE: LA 10 A SCARPA, MAIORANO COL 9. E MANCA IL 18...IL NUMERO DI MARINO